fiscconsiglio_09012020_0013-755x491-1
fiscconsiglio_09012020_0013-755x491-1

Ancora gioia per la nostra Diocesi! Il 9 Gennaio scorso, durante la riunione del Consiglio Nazionale della FISC (Federazione Italiana Settimanali Cattolici), don Oronzo Marraffa è stato eletto vice presidente vicario.logo-fisc-federazione-italiana-settimanali-cattolici-2017

Il 9 Gennaio, il Consiglio Nazionale si è riunito a Roma per eleggere i nuovi vertici federali, in rappresentanza delle 186 testate che aderiscono alla FISC.

Il Consiglio ha eletto presidente Mauro Ungaro, direttore del settimanale diocesano di Gorizia “Voce Isontina”, Vicepresidente vicario don Oronzo Marraffa, direttore del giornale online “Adesso” della Diocesi di Castellaneta e vice presidente scelto Chiara Genisio, direttrice dell’agenzia Agd di Torino. Completano l’esecutivo don Enzo Gabrieli, di “Parola di vita” di Cosenza, nel ruolo di segretario generale e Simone Incicco, de “L’Ancora online” di San Benedetto del Tronto come tesoriere.

L’esecutivo sarà in carica fino al 2024.

Il neo presidente Mauro Ungaro delinea il percorso di questo mandato: “questo mandato inizierà da due parole: camminare insieme. L’obiettivo primario è quello di essere fedeli nella tradizione guardando però all’innovazione, al nostro essere giornali di Chiesa e giornali del territorio, ricordando che per noi il territorio non è solo un luogo geografico ma un luogo teologico dove siamo chiamati a portare quotidianamente le testimonianze delle nostre Chiese”.

esecutivo-fisc-completoUngaro dà anche indicazioni su come affrontare la crisi dell’editoria: “fare sinergia, lavorare insieme, camminando assieme alle nostre Chiese e nelle nostre Chiese”. Infine i temi fondamentali di questo mandato, tra cui l’innovazione digitale: “oggi è necessaria la multimedialità”. E poi, “i rapporti con le nostre Chiese, con la Conferenza episcopale, il fare attenzione a quelle realtà dove il volontariato è molto importante e presente”.

Istituite in occasione della prima riunione del Consiglio nazionale anche le commissioni giuridica, innovazione e raccolta pubblicitaria, cultura e convegni, formazione, stati di crisi affidate ad alcuni consiglieri.