preghierainfamiglia-2-755x491

18 Dicembre

Tema: Sognare

FAMIGLIA, SOGNO DI DIO: IL PROGETTO DI COPPIA 

Sognare: Quale famiglia sogna Dio? Cosa sognano le famiglie?

Per ascoltare il Vangelo del giorno clicca qui

Meditazione di Don Graziano Marangi:

Tra i testimoni che ci conducono al Natale appare Giuseppe, uomo che sa sognare, il mite che parla amando.
Secondo il vangelo di Matteo l’angelo si rivolge a lui, per Luca, invece, si manifesta a Maria: l’annuncio fatto alla coppia dimostra che Dio si muove dentro ogni famiglia, nel dialogo, nel dramma, dove si gioca la buona battaglia della vita.
Qualcosa però strazia il cuore di Giuseppe e manda in frantumi i suoi progetti di vita. Maria si trovò incinta, dice Matteo. Giuseppe non si dà pace, continua a pensarla e a sognarla di notte, è innamorato.
Decide di lasciarla per rispetto e non per sospetto, questo è l’unico modo che ha per salvarla. Ma è insoddisfatto della
decisione perché lui la ama davvero. Un tormento, un conflitto emotivo e spirituale: da un lato l’obbligo di denuncia e dall’altro l’amore, ricambiato Mentre stava pensando queste cose ecco in sogno un angelo.. non temere.. Dio che parla attraverso l’umile via dei sogni. Dio che interviene sempre a favore della vita!
Giuseppe è messo alla prova per vedere cosa aveva nel cuore. E nel cuore scopre di “avere” quella donna, di amarla
senza volerla possedere, radice segreta della loro verginità. Ogni amore vero deve varcare la stessa soglia, dal possedere al dono di sé.
Amare, voce del verbo morire, voce del verbo vivere.
Nella Bibbia, attraverso un linguaggio metaforico e poetico si parla spesso sia di sogni, sia di angeli. Per la Bibbia il sogno è lo spazio dell’incontro con Dio. Come potremmo tradurre oggi il linguaggio biblico dei sogni? Oggi forse si potrebbe tradurre la parola “sogno” con “coscienza”. Per la psicanalisi il sogno è il linguaggio dell’inconscio, delle emozioni, dell’irrazionale, del profondo di noi stessi, della nostra coscienza.
Che cosa fa Giuseppe nel momento in cui va in crisi? Entra in se stesso. Si ritira in silenzio. Pensa. Riflette. Si interroga.
Giuseppe rappresenta ognuno di noi. Anche a noi talvolta succedono fatti imprevedibili, inaspettati. Anche noi come
Giuseppe abbiamo tanti dubbi, tante crisi. Non sappiamo che cosa fare. Che cosa insegna Giuseppe a noi come coppia?
Ci insegna innanzitutto che per imparare a progettare e a sognare la nostra famiglia, bisogna imparare ad ascoltarsi.  A conoscersi. A fermarsi. A pensare prima di decidere. Imparando a fare spazio a ciò che non è previsto e a uscire dal
nostro piccolo mondo, per aprire i nostri orizzonti.
Forse l’insegnamento più bello che ci regala Giuseppe è quello di non smettere mai di sognare! Perché… la materia di cui sono fatti i sogni è la speranza (Shakespeare).

Condivisione fraterna: per ascoltare la testimonianza di una famiglia clicca qui.

Preghiera: Noi Signore, che abbiamo affidato a te La nostra storia, che ci siamo abbandonati come Maria e Giuseppe al tuo disegno di famiglia in Cristo, ti chiediamo di restarci accanto e accompagna il nostro sguardo di genitore nel guidare i nostri figli all’amore e alla solidarietà.
Istruisci il nostro cuore alla fede e sostienici come coppia e famiglia, nella gioia di essere Chiesa nel mondo e discepoli del tuo amore. Amen

Clicca qui per scaricare l’ebook “Verso Nazareth… famiglie in cammino verso il Natale 2020”