Una delegazione della Diocesi visita le comunità delle Suore del Sacro Cuore in India

IMG-20170720-WA0019

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Si parte per conoscere il mondo,  si torna per conoscere se stessi” (Oriente,  Nicolò  Fabi).
Scriviamo queste poche righe al termine di uno straordinario viaggio nel Sud dell’India, nel Tamil Nadu, in una terra misteriosa, accogliente e, allo stesso tempo, piena di tante contraddizioni.

È stato il nostro un “viaggio missionario”  in visita alle comunità e ai tanti luoghi in cui le Suore del Sacro Cuore operano instancabilmente per donare ai poveri un raggio di speranza. Grazie a Suor Amutha Theos,  Superiora generale della Congregazione del Sacro Cuore,  che ci ha dato la possibilità di vedere all’opera queste suore che molto presto presteranno il loro prezioso servizio anche nella nostra diocesi, in particolare nella comunità  dell’ Annunziata di Palagiano.

Nonostante le tante differenze culturali esistenti, possiamo sicuramente dire di aver sperimentato l’accoglienza, il calore e l’affetto di questa gente in più  occasioni: visitando scuole e villaggi,  realtà  povere e ben distanti dalle nostre, ma che ci hanno subito risucchiato in un vortice di amore che ci ha aiutato a capire la grandezza di questo popolo. 

Il gruppo, formato da pugliesi e da fiorentini, ha vissuto un’intensa esperienza di condivisione. Ognuno di noi ora porta con sé qualcosa da raccontare, da condividere nelle nostre realtà  locali e da far fruttare. 

Mai potremo dimenticare la gioia dei bambini dell’orfanotrofio gioiosi nell’accoglierci ma tristi nel vederci andare via,  la posa della prima pietra della casa per bambini con ritardo mentale,  la visita ai villaggi e l’inaugurazione della scuola per bambini disabili.

Da tanta povertà abbiamo ricevuto grandi ricchezze e aver toccato con mano le difficoltà che ci sono in questo popolo ha scosso le nostre coscienze.

Custodiremo per sempre nei nostri cuori tutte queste cose come un grande dono, sempre grati al nostro vescovo Claudio per averci dato la possibilità  di vivere questa esperienza di formazione personale e spirituale.  

Carmela,  Rocco e Rosa

Autore: Direttore

Condividi questo post con